Spunti in libertà da Media 140

•aprile 24, 2010 • Lascia un commento

Ovvero, espresso in poche righe gli spunti attivi che ho recepito dalle relazioni e dal dibattito di sabato 23 aprile a Media140, evento internazionale ospitato a Perugia dal festival internazionale del giornalismo.

Immediatezza, relazione, localizzazione. Sono questi i tre elementi che i social media e le geoapplicazioni collegate stanno promuovendo a elementi protagonisti del web e conseguentemente dell’informazione online.

La facilità di diffusione di una notizia trasmessa attraverso il web e i canali dei social networks non può ovviamente prescindere dall’affidabilità del contenuto.

Come si ci guadagna la fiducia di un lettore?

Chi diffonde contenuti sul web deve qualificarsi come interlocutore aperto al dialogo e ai contributi esterni e conquistarsi a poco a poco la fiducia di chi lo segue, proponendosi come soggetto che fornisce links/servizi utili, materiale originale verificato.

Il giornalista di professione monitora i flussi di informazione dei social media e con il tempo filtra un numero di fonti e soggetti che ritiene affidabili nelle più svariate competenze.

Il frutto di questo lavoro porta il giornalista ad avere un roster di esperti e fonti selezionate con cui poter rispondere alle esigenze più disparate dei lettori del giornale/blog.

Infatti ogni singolo utente della rete, messo di fronte allo stesso fatto, cerca informazioni diverse.

Nel caso della recente eruzione del vulcano islandese alcuni hanno utilizzato i social networks per procurarsi notizie di carattere scientifico, altri logistico, altri hanno cercato materiale video-fotografico e hanno provato a mettersi in contatto con parenti e amici in viaggio.

 Richieste a cui chi fa informazione deve rispondere mettendo in campo tutte le risorse disponibili.

How to defend yourself against UNYK spam – Come difendersi dallo spam di UNYK

•marzo 24, 2010 • 2 commenti

in ita /eng

(ITA)

Prevenzione: non accettare gli inviti di amici che ti suggeriscono di entrare a far parte di UNYK

Se accetti, o fai già parte della comunità UNYK

Al primo login non consentire a UNYK di inviare inviti ai tuoi contatti. Per questa prima volta UNYK ti chiede il permesso, poi non sarà più così.

Se hai acconsentito all’invio di inviti cancella il prima possibile il tuo account. Basta fare il login, andare su il mio account (in alto a destra) e poi sopprimi account. Purtroppo questo non basterà: che tu voglia o no UNYK continuerà a inviare (A NOME TUO!) inviti ai tuoi contatti.

Se ricevi tanti inviti a entrare in UNYK da parte dei tuoi amici, non prendertela con loro: prenditela con questo sistema di UNYK.

Per risolvere la cosa puoi fare questo:

impostare unyk@unyk.com come spam. Ma non basta

Nelle mail di invito in fondo trovi delle annotazioni:


Non voglio più ricevere alcun invito ad utilizzare UNYK da parte di Michela Sbaffo: cancella la mia iscrizione

Non voglio mai più ricevere alcun invito ad utilizzare UNYK: cancella la mia iscrizione

Clicca e il mondo sarà improvvisamente un luogo migliore in cui vivere

 – – – – – – – – –

(ENG)

Prevention

Ignore friends suggestion to join UNIK.com!

*If you accepted or you have already joined UNIK.com

At first login -> Don’t allow UNIK.com to send invitations to your contacts.

*If you have already allowed, delete as soon as possibile your account: you have just to login > my account > delete account (Unfortunately Unyk will still be sending invitations, without asking your permission)

*If you are invested by a large amount of mail of friends inviting you to join UNYK, don’t blame your friends blame UNYK

You can fix it this way

Mark unyk@unyk.com as spam; can be useful but not enough

In mail invitation you will find annotations: you can receive no more invitations from a certain user or from UNYK as well: click it, the world will be a better place.

Cuore di drago

•dicembre 1, 2009 • Lascia un commento

 

…E chissà se
tra queste foglie che cadono
ci sono anche io…

The Fall

•novembre 11, 2009 • Lascia un commento

Essenzialmente parte degli esercizi sulla profondità di campo. Un concetto che mi ha sempre affascinato in quanto, se ben applicate, le regole della profondità di campo (sono facili e tre appena) consentono di “eliminare” sfocandoli oggetti o elementi che non interessano ai fini della composizione; permettono di creare effetti di trompe-l’oeil che “bucano” l’immagine rendendo una illusione di tridimensionalità; collocano il soggetto in una aura particolare che ne il proprio aspetto di “alterità”: perché abbiamo messo a fuoco proprio quel punto e non un altro? Cosa vogliamo comunicare?
Quello che segue sicuramente non è l’esempio più adatto per fare teoria di profondità di campo, ma è una fotografia che è risultata fuori da alcuni esperimenti e non mi dispiace.

thefallsmall

Indovina: dove si trova questo cespuglio?

A ogni modo, tornerò sicuramente a parlare di profondità di campo e tridimensionalità, un pò la sfida massima della fotografia, assieme a tutte le suggestioni di luce e colore.

Porta via

•ottobre 5, 2009 • 1 commento

Porta via
le memorie di Giugno
il vento
Qui risponde Ottobre
sono il tuo tempo
che scorre

Giraluna #5

•agosto 7, 2009 • 4 commenti

Adoro i girasoli. Per me sono il simbolo dell’estate, del sole, del caldo senza fine. Della luce. Stamattina all’alba, viaggiando con la mia piccola macchina, ho fatto caso alla luna, che splendeva alta nelle prime avvisaglie del giorno. Quasi fosse un sole d’argento. E se esistessero anche dei giraluna? Non sarebbe meraviglioso?

Insisti, resisti, raggiungi, conquista #4

•agosto 6, 2009 • 1 commento

I motti di Franco,  una delle poche cose che rendono sopportabili le lunghe ore di Consiglio Comunale. “Insisti, resisti, raggiungi, conquista”. Funziona, mi ha assicurato.

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.